Famiglia

Recenti studi hanno dimostrato che imparare a suonare uno strumento e ascoltare
canzoni aiuta i bambini a sviluppare creatività, disciplina e autostima. Tutto questo
aumenta in modo esponenziale il loro bagaglio culturale, ma non li rende più intelligenti: a
scardinare il l’Effetto Mozart sono due studi condotti da Samuel Mehr, ricercatore
dell’Università di Harvard (USA), pubblicati su Plos One.
Ma cos’è l’Effetto Mozart?
Si tratta dello studio che nel 1993 rivelò che la musica aumenta l’intelligenza dei bambini,
ma non è mai stato confermato, anzi, di recente è stato completamente smentito!
In sostanza, quello che era stato fatto passare per un vero e proprio studio scientifico,
in realtà non lo era. Forse non era una teoria scientifica, ma era senz’altro una
brillante idea di marketing.

Le canzoni per bambini allora non servono a nulla?
Osservando i comportamenti cerebrali si è scoperto che i bambini che studiano
musica o ascoltano spesso canzoni migliorano a livello uditivo. Si tratta di un aspetto
non di poca rilevanza vista l’importanza dei processi uditivi nello sviluppo del
linguaggio, così come nell’apprendimento di una seconda lingua o nella capacità di
concentrazione anche in ambienti non molto tranquilli.
Altri studi, infine, hanno sottolineato che la musica può migliorare il funzionamento
cognitivo, così come ridurre l’aggressività, aumentare la tranquillità, combattere lo
stress e migliorare lo stato d’animo. Questo, però, non significa che la musica rende
più intelligenti i bambini.

Canzoni per neonati…
Se state cercando canzoni per bambini appena nati probabilmente avete in mente
canzoni per dormire o melodie rilassanti, e avete ragione: non occorre bombardare
con troppi stimoli il nuovo arrivato, ma non c’è ragione per non proporgli da subito
l’ascolto di canzoni per bambini. Qualche suggerimento? Ami tomake, ninna nanna
indiana diventata di moda recentemente, Era una casa molto carina (e in generale le
canzoni per i piccoli di Sergio Endrigo) e come dimenticarsi di Whisky ragnetto!

Recenti studi hanno dimostrato che imparare a suonare uno strumento e ascoltare canzoni aiuta i bambini a sviluppare creatività, disciplina e autostima. Tutto questo aumenta in modo esponenziale il loro bagaglio culturale, ma non li rende più intelligenti: a scardinare il l’Effetto Mozart sono

E' normale avere sentimenti contrastanti la prima volta che si lascia il bambino con una babysitter. Si potrebbe essere nervosi, ma anche eccitati per il nuovo passo che ci aspetta. Per affrontare questo momento nel modo migliore possibile, ci sono

Apri chat
Hai bisogno di aiuto?
Ciao, hai bisogno di aiuto? Scrivici